Berlusconi no, Casellati sì

Fonte Immagine: notizie.it

Caro centrodestra, vietato sbagliare!

Eh si, questa volta la battaglia per il colle deve andare a buon fine. E per farlo occorre puntare su chi può riuscirci. Secondo il mio modesto parere si potrebbe puntare sulla seconda carica dello Stato: Maria Elisabetta Alberti Casellati. Figura di spicco, fondatrice di Forza Italia, avvocato matrimonialista di successo e già membro del Consiglio Superiore della Magistratura. La Casellati prima donna Presidente del Senato potrebbe essere anche la prima donna Presidente della Repubblica. Può piacere anche alla sinistra, proprio per il suo modo di essere imparziale e garante dei diritti di tutti. Ha un curriculum di tutto rispetto, stimata anche all'estero, garanzia per l'Europa. La sua personalità potrebbe essere l'arma vincente di questo centrodestra. I numeri sarebbero dalla sua parte, soprattutto se Forza Italia comprende che proporre Silvio Berlusconi, può portare, invece, a Draghi o Casini.

Non bisogna cadere nella tentazione Silvio. Perché divisivo, perché abbiamo sempre accusato la sinistra di imporre Presidenti politici. E' un pò come l'allora Prodi: entrambi non rappresenterebbero tutti gli italiani. Al di là della condanna definitiva che comunque c'è, Silvio spacca e divide anche il centrodestra. Eh sì, perchè non credo che gli alleati di coalizione siano disposti a votarlo. Magari fingono, si nascondono.

Ho militato in Forza Italia e ne sono fiero. Penso che i suoi governi siano stati di gran lunga migliori di quello attuale e di quelli che si sono succeduti.
Berlusconi è il fondatore del centrodestra, è colui che ha, di fatto, scongiurato il pericolo comunista, e già questo potrebbe bastare. I suoi risultati molti li dimenticano, io no: il taglio sulle tasse di casa, IRAP, successione di morte, l'inasprimento del 41 bis, gli arresti dei principali boss mafiosi, l'introduzione dell'inglese alla scuola primaria, la patente a punti, la giornata dedicata alle vittime delle foibe. Sono, indiscutibilmente, ottimi provvedimenti. "Fatto fuori" dai giochi di palazzo europei, a mio modo di vedere, principalmente per la sua amicizia con Putin. E portò anche a vantaggiosi prezzi l'importazione di gas.

Questo non basta a "poterlo portare al Colle" per i motivi di cui sopra. Ed allora puntare sulla Casellati potrebbe essere la soluzione vincente. Così evitiamo di avere un altro Presidente della Repubblica con la tessera del PD.