Brunori SAS – CIP!

Fonte Immagine: AVIG

Il mondo si divide tra chi crede che i violenti debbano essere trattati con violenza, e chi crede che con la violenza invece non si ottenga nient’altro che violenza”.. ”dividere è un gioco della mente….il mondo si divide inutilmente”..

Grande overture col brano “Il Mondo si divide” per l’album “CIP!”, ultima creatura di Brunori sas, cosciente del tempo che viviamo e capace di trasporre nelle sue opere il chiaroscuro dell’uomo di oggi.

Cantautore poliedrico e dotati di grande padronanza della parola e dei temi musicali nelle storie narrate, Brunori sas -nome derivato dall’azienda di famiglia, nella natale Cosenza- pseudonimo di Dario Brunori, classe 1977, ha mostrato le sue qualità anche nel mondo del piccolo schermo, nel programma sui generis da lui diretto, Brunori sa, volto a svelare le contraddizioni e la vita dell’uomo contemporaneo. Nel mondo del cinema, ha scritto le colonne sonore dei film “E’ nata una stella” -2012-, “Odio l’estate” -2020- e “L’ospite” -2018-, con la stesura della perla “Un errore di distrazione”.

La criticamusicale non ha mancato di cogliere la qualità -anche- dell’opera ultima del cantautore, assegnando la Targa Tenco a “CIP!” quale miglior album del 2020, e il Nastro d’Argento per la migliore colonna sonora del 2020, scritta da Brunori Sas per il film “Odio l’estate”.

Artista sempre attento al mondo che lo circonda, ha partecipato a varie iniziative sociali, e nel 2018 ha vinto il Premio Amnesty International Italia assegnato a “L’uomo nero”, quale miglior brano sui diritti umani.

L’album “CIP!”,pur essendo stato scritto e pubblicato nel momento pre-pandemia, presagiva l’aria che si sarebbe respirata di lì a poco, ed infatti nelle varie tracce dell’album si possono leggere le citazioni dei giorni nostri. “Andrà tutto bene” in Al di là dell’amore, “Dirci che in fondo alla fine va bene” in Anche senza dinoi, “Alla fine andrà bene” in Capita così, brano quest’ultimo che accende i riflettori sul tempo che passa –“…capita così, che un bel giorno ti guardi allo specchio e ti trovi più vecchio”-.

Il momento più alto dell’album si ritrova nel perfetto equilibrio di “Per due che come noi”, liberazione della mente impegnata nel tracciare la linea di confine tra sesso e amore, dove invece confine non c’è, con atmosfere da film, da film della vita, scatti fotografici -Brunori canta “Conosci la tua pelle tu conosci il odore…”-. Nell’equilibrio perfetto del brano, l’attore principale è l’amore e le sue mille immagini, nelle sue infinte sfumature, e Brunori sas si mostra capace di evocare attimi di vita che appartengono alla vita di tutti.

Proiettato al futuro nell’intento di cogliere i grovigli della mente -nel crescendo di “Fuori dal mondo”-, l’album chiude con la perla “Quelli che arriveranno”, auspicando che anche gli alieni siano simili a noi, ma con un cuore più grande.

Una delle più belle novità degli ultimi anni, tra cantautorato della migliore scuola, trasposto nei giorni nostri, interpretando gli enigmi dell’uomo di sempre.

L’album “CIP!”, dal verso del pettirosso raffigurato in copertina, sintetizza il filo conduttore dell’intera opera, il canto leggero e delicato quanto profondo di una voce libera o liberata quando il tempo è maturo..

Brunori sas canta…”la vita è vita…soltanto se muore..”, verità nuda e cruda..mai più attuale, per vivere senza aspettare domani per essere felice.

Discografia

Vol.1 -2009

Vol.2 Poveri Cristi -2011

Vol.3 Il cammino di Santiago in taxi -2014

A casa tutto bene -2017

CIP! -2020

 

Tags