Le false ragioni della guerra

Fonte Immagine: qualenergia

La crisi russo-ucraina è uno scontro diplomatico-militare iniziato già nel febbraio del 2014 che si incentra soprattutto in tre punti cardini: status della Crimea, regione del Donbass, e possibile adesione dell'Ucraina alla NATO

Dall'invasione di Putin, la notte tra il 23 e il 24 febbraio, tra Russia e Ucraina è scoppiata la guerra. Le motivazioni "fatte passare" sono: la protezione degli ucraini filo russi - due zone dell'Ucraina si sono, infatti, autoproclamate republiche -, e la smilitarizzazione del Paese, che Putin vorrebbe "neutrale" e fuori dall'orbita dell'Europa occidentale. Le motivazioni reali, ritengo, siano invece altre: la volontà della Russia di riportare l'Ucraina sotto l'ombrello di Mosca; creare in Ucraina un governo filo russo che la allontani dall'Europa occidentale, e poi, impedire un ulteriore allargamento della NATO verso Est, e vietare assolutamente che vi entri l'Ucraina. Con lo scopo di tornare a creare il "divisorio" tra la Russia ed il resto d'Europa. 

Ma nelle piazze si susseguono le manifestazioni di solidarietà nei confronti dell'Ucraina.

L'Europa ed altri Paesi del mondo hanno definito, uniti e compatti, una serie di sanzioni economiche, pesantissime, tali da mettere in seria difficoltà l'economia. Forse anche globale. Sanzioni annunciate da tutti. E si favorisce più questo aspetto che un atteggiamento militare. Netti e decisi. Chiaramente la Russia è uno dei pochi Paesi del mondo in possesso di bombe atomiche. Una proiezione militare, dunque, non è raccomandabile, né auspicabile. Una guerra, pratica e tattica, avrebbe naturalmente conseguenze catastrofiche a livello mondiale.

La speranza comune è che la crisi possa essere trattata attraverso la via diplomatica. Con una soluzione che salvi tutto e tutti. 

Putin probabilmente si sarebbe aspettato una reazione più blanda dall'Occidente. L'ago della bilancia potrebbero essere, però, gli oligarchi, che di fatto "sostengono e si sostengono con Putin". 

L'economia e l'arricchimento, nati come comandamento e volano, diventerebbero giocoforza panacea, necessariamente.